VI° giorno Novena della Beata Madre Giuseppina Vannini

Raggiungere la santità
Essere santi significa uniformarsi a Dio che è il Santo per eccellenza. E' il cammino di questa vita che ci mette in condizione di volere e orientarci verso la santità. sant'Agostino diceva: "Se questi e quelli sono diventati santi, perchè non io?"
Il cammino di santità è un lavoro quotidiano: smussare i difetti, accrescere le virtù, imitare la vita dei Fondatori e di tutto i santi, persone che erano fatte di carne e ossa come noi.

La parola della Fondatrice
Roma, 10 novembre 1908
Ritiro, silenzio e pace sono il gran mezzo per essere perfette. Chi sa guidar la propria lingua, preserva l'anima sua da molte cadute (riflettere prima di parlare, mentre si parla, dopo aver parlato). Far bene ogni azione. Non si può picchiare alla porta del cielo che con la croce (amare le croci e le umiliazioni giornaliere). L'occhio di Dio mi guarda (santo timor di Dio). Non pensare né parlare mai male di nessuno. La fatica, il lavoro, le peggiori cose per me, i riguardi per le altre.
Con la pratica continua di queste massime posso divenire una buona e santa Figlia di San Camillo.

Dalle Costituzioni
Per progredire costantemente nella vita spirituale cerchiamo di convertirci ogni giorno, specialmente nel confronto con la Parola di Dio, nella revisione della nostra vita e nell'esame quotidiano di coscienza (C95)
BEATA MADRE GIUSEPPINA VANNINI
PREGA PER NOI!

Commenti