Novena a San Camillo Quinto giorno

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.  Amen
Dagli scritti di San Camillo:

ORDINI ET MODI CHE SI HANNO DA TENERE
NELLI HOSPITALI IN SERVIRE 
LI POVERI INFERMI

Nel rifare delli letti ognuno procuri con diligentia et charità di rifarli procurando di fare mutare le lenzuola, et camise quando saranno molto brutte, avvertendo al Superiore di detti letti con modestia et piacevolezza, et ognuno si guardi di non far del riformatore, ò, sindico, ò, correttore per li hospitali, ma più presto si sforzi di insegnare con opere che con parole, et di conservarsi amorevoli tutti quelli che servano nelli hospitali, e quando l'Infermi che haveranno bisogno di esser levati con le braccia, ognuno avvertisca di levarli con la charità possibile, procurando di non farli far troppo moto, e non farli pigliar freddo, coprendoli subito che li levaranno dal letto, e che stiano con la testa 8 poco alta, et più procurando che quando starà alcuno molto aggravato, et quasi per morire non li si faccia il letto senza licentia del Medico, acciò non li abbrevij la vita, ma se il letto sarà brutto si procuri di nettarlo senza levarlo del letto con diligentia di non travagliarlo, et quando sarà abandonato dal Medico ò sarà in agonia si metta la diligentia possibile in aiutarlo à ben morire.

Padre nostro, che sei nei cieli…
Ave Maria, piena di grazia…
Gloria al Padre, al Figlio…
Preghiamo:
Glorioso San Camillo, 
volgi uno sguardo di misericordia
su coloro che soffrono e su quelli che li assistono.
Aiutaci a comprendere il mistero della sofferenza,
continuazione della passione di Gesù.
La tua protezione conforti gli ammalati e i loro familiari, 
incoraggi gli operatori sanitari,
ottenga a tutti il premio eterno,
secondo la promessa di Gesù:
«Beati coloro che soffrono perché saranno consolati.
Ero infermo e mi avere visitato. Venite benedetti».
Per Cristo nostro Signore. Amen

San Camillo…prega per noi.


Commenti