27 aprile 2017

Papa: In Egitto, abbraccio di consolazione e di fraternità

A pochi giorni dal suo viaggio al Cairo, il 28 e 29 aprile, Papa Francesco saluta in un videomessaggio il popolo egiziano. “Vengo come amico, come messaggero di pace e come pellegrino nel paese che diede rifugio alla Sacra Famiglia”.


Aspettare Papa Francesco in Egitto: come a Betania casa di amici Lc. 10 
da Padre Patrizio
«Oggi ho meditato la piccola famiglia di Betania  dove Gesù era sempre ben ricevuto ho pensato che l'Egitto in questi giorni è la Betania del Papa. Vogliamo riceverlo bene. 
Quando l'amico  di Gesù, il fratello, il pastore della Chiesa, il dolce Cristo in terra l'amato Francesco viene a visitarci tutto si rinnova. 
Tutti vogliamo che lui si senta bene in Egitto, come in Betania dove gli amici l'aspettano. 
Ricevere bene gli amici non da molto lavoro perché sono amici, non ce bisogno mostrare quello che non siamo ... in questo stiamo sbagliando.  
Dove passa il papa Francesco tutto è rinnovato, strade pulite, luci che funzionano
giardini con fiori, case dipinte tutto è bello per riceverti.  
Questo ti farà piacere un poco.. 
Molte altre cose che ti piacono sono proibite ... Niente selfie, niente telefonini macchine fotografiche ... non in mezzo al popolo, militari con armi spianate, tutti schedati per Vedere se siamo onesti ... 
Pena non potrai andare dove vuoi a me piacerebbe che tu visitasi le piramide, i luoghi dove e passata la Santa famiglia ...  potresti andare nei luoghi più poveri dove i poveri si nascondono; che tu potessi dire ai tanti Zacchei scendi, che oggi vengo a pranzo da te.. 
Ti  accogliamo con gioia, ma tristi perché dobbiamo rimanere lontani da TE NOSTRO PADRE E PASTORE,  se cerchiamo di avvicinarci saremo fermati da tanti poliziotti ... e corriamo rischio che il nostro AMORE  si capito come un atto terrorista. 
E' il mondo della paura che viviamo e non dell'Amore, insegnaci a cambiare questo mondo. 
Che il Signore ti inspiri di fare un concilio con tutti i capi delle religioni senza teologi e insieme possiate pregare e parlare del Dio dell'amore e della Pace. 
Dieci giorni di ritiro: pregato un giorno da Papa Francesco, un altro giorno dal Dalai Lama, un altro dal capo dei mussulmani ... dal capo dei giudei ... 
Invitali nella tua Betania a Santa Marta ... e  il mondo cambierà ...

Spero che alla tua Messa ci siano non SOLO i cristiani cattolici ma anche i capi delle altre confessioni  il Presidente, ministri tutti insieme ... Non importa la quantità
Quando due o tre persone sono riunite nel mio Nome, ha detto Gesù, io sono in mezzo a voi ... 
SONO sicuro che Gesù è con te, con noi nell'Egitto. Amen
Prego per e tu per me, benedicimi ti benedico. 
Abuna BATRIK

Nessun commento:

Posta un commento