3 maggio 2016

Argentina: 110 anni di Fondazione 3 maggio 1906 arrivo delle 8 sorelle che formarono la prima Comunità a Buenos Aires


Dalla Cronaca
"9 aprile 1906 partiva da casa madre la nostra rev.da madre generale (Beata Giuseppina Vannini ndr.) con otto suore, cioè: suor Gerarda Legrand, suor Paolina Scolari, suor Pia Ghidoni, suor Filippina Pisetta, suor Edvige Steinbach, suor Dorotea Dal Bò, suor Sofia Marciò, suor Elisa Chiocarello accompagnandole a Genova onde imbarcarsi il 12 col piroscafo Regina Margherita alla volta di Buenos Aires, ove erano aspettate con ansia da due loro consorelle (suor Matilde Pravetoni e suor Veronica Pini ndr.) che da due anni si trovavano colà per preparare il terreno. Giunsero il 3 maggio nella nostra casa presa in affitto e un mese dopo, sei furono destinate all'ospizio San Jose in Sant'Antonio nella Plata e le altre quattro rimasero in Buenos Aires, calle Aguero 635, prestandosi per l'assistenza a domicilio e tenendo a pensione malate presso di loro. La fondazione si deve a signore benefattrici che con feste di beneficenza e un sussidio dal Governo, che promise di seguitare anche in appresso, poterono arrivare a pagare il viaggio di tutte in seconda classe e avanzò pure un poco di fondo per il primo impianto della casa. [...] 
[...] La fondazione d'America è la maggiore realizzata dalla madre e, nel suo genere, la più spettacolare. L'idea affiorò casualmente, dietro l'invito, affacciato da un signore, d'aprire una casa nel Messico; non è spiegato, peraltro, in nessun luogo, come, trattandosi d'una fondazione nel nuovo mondo, le figlie di San Camillo, non abbiano pensato, anzitutto, al Perù dove da più di cinque anni era di casa il fondatore.
Spettacolare: per l'impresa in se stessa - un'avventura, un sogno; come dagli Appennini alle Ande - data l'esiguità, allora, numerica del personale dell'istituto, gli impegni in Italia, nel Belgio; l'età giovanile di quelle figlie di San Camillo; data, inoltre, la difficoltà del reperimento della persona atta a sostenere una fondazione così lontana e, per taluni lati, aleatoria.
Cappella della casa Provinciale
Invece, tutto fu superato dalla fede e dal carattere di quelle prime coraggiose; la giovane suora francese Gerarda Legrand, diretta e sostenuta dalla madre, fu in grado d'assicurare la vita a quel primo germe trapiantato così lontano. Non tutto andò pel verso giusto e non mancarono, neppure, momenti drammatici; le figlie di San Camillo, con costanza e adattabilità, seppero resistere; oggi, la fondazione Argentina, oltre che affermata, è in fase d'ininterrotta espansione; la benedizione della madre è rimasta viva e operante in quella terra così lontana e tanto vicina al suo cuore" [...]
dal Libro Fondazioni dal 1892 al 1909 di p. Bruno Brazzarola M.I. Cap. 12 pag. 427 - 430
Prima pietra per la costruzione della Clinica nel 1956


Casa Provinciale - Clinica San Camilo Buenos Aires
 Hogar Molinari - Cordoba
Hogar San Camilo Arguello - Cordoba
Hogar Clara Morgan - Areco Provincia de Buenos Aires
Grazie Signore per queste nostre sorelle che ci hanno preceduto e portato il carisma della carità fino ai confini del mondo. 
Aiutaci a perseverare fedeli e generose nella nostra vocazione di servizio e ad essere vere testimoni dell'Amore misericordioso del tuo Figlio Gesù.





Nessun commento:

Posta un commento