24 aprile 2016

La sfida della carità. Commento al Vangelo del 24 aprile 2016, quinta domenica di Pasqua

La seconda colletta della Messa di questa quinta domenica di Pasqua, racchiudendo tutto il senso dell’odierna liturgia della Parola, ci fa pregare così: “O Dio, che nel Cristo tuo Figlio rinnovi gli uomini e le cose, fa' che accogliamo come statuto della nostra vita il comandamento della carità, per amare te e i fratelli come tu ci ami, e così manifestare al mondo la forza rinnovatrice del tuo Spirito”. 
Si parla di “uno statuto” per la nostra vita cristiana. Si tratta di quel “famoso” comandamento che Gesù ordina ai suoi discepoli: “Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri”. Generalmente Gesù non ha mai emanato statuti o ordini, ma su una cosa è stato categorico: sulla carità. Questo comandamento è un imperativo morale. Potremmo affermare che “morale della favola” per noi credenti in Cristo è la carità, sostenendo così che è il fondamento, la base, la fonte e l’apice. 
San Paolo direbbe che se “non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna”. Ma cosa è la carità? Che vuol dire vivere la carità? Cosa significa che la carità è il fondamento della vita cristiana? La carità non si fa, non è limitata a fare l’elemosina. La carità è saper spalancare le braccia in segno di donazione generosa e oblativa. La carità è un modus vivendi, un modo permanente di essere per il cristiano, e non un modo d’essere in alcune circostanze della vita o secondo i propri sentimenti. La carità è espressione di amore disinteressato. La carità è saper spostare ogni volta il baricentro dal proprio io al tu. La carità è la dimensione dell’alterità. La carità è tenera e costante sollecitudine verso chi vive nel bisogno. La carità è attenzione al prossimo, chicchessia. La carità è espressione del perdono concesso a chiunque. La carità non si limita al prossimo uguale a me, ma al “diverso”, a chi non la pensa come me, a chi professa una religione diversa dalla mia. La carità si fonda sulla comunione con tutti. La carità è la massima espressione di un servizio senza limiti. “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri”, sentiamo dire ancora nel Vangelo di oggi. Sapranno che siamo Chiesa, che siamo credenti in Cristo se il nostro modo di vivere è fondato sulla carità. 
È una sfida che Gesù ci lancia. Sa bene che non siamo costanti nel vivere la dimensione caritativa, ma oggi affidandoci il “comandamento nuovo”, ci invita a rafforzare la carità, a farne un elemento costitutivo per la nostra esistenza, un punto di forza per la nostra fede. 
Mai come oggi la carità è una sfida per credenti e non credenti. In un contesto sociale, culturale e religioso come quello odierno, dove si è chiamati a concretizzare la dimensione dell’accoglienza e dell’integrazione, la carità deve sprigionarsi da tutti i pori della nostra esistenza umana e, per noi cristiani, della fede. 
Onofrio Antonio Farinola
Sacerdote Cappuccino.

Nessun commento:

Posta un commento