Sulle tracce della Bellezza. Oratorio.

Lunedì 1 febbraio nell'Aula Paolo VI, dopo di aver partecipato all'udienza con Papa Francisco, come conclusione della giornata è stato presentato da Lorena Bianchetti l'Oratorio "Sulla tracce della Bellezza". 
La vita consacrata costituisce memoria vivente del modo di esistere e di agire di Gesù come Verbo incarnato di fronte al padre e di fronte ai fratelli, Essa è vivente tradizione della vita e del messaggio del Salvatore
(da Vita Consecrata 22)

Musiche e Direzione: M° Marco Frisina
Coro Fideles et Amati
Orchestra della Diocesi di Roma

video 
Salmo 18 I cieli narrano 
Risplenda la vostra luce: solista Fr. Alessandro Brustenghi, ofm
video 
 Fiamma viva d'amore: voce solista Paola Cecchi
video
 Il deserto fiorirà
video
Scrivo a voi come successore di Pietro: La vera gioia
video
La via dei Martiri
video
 Teatro dell'Opera di Roma
Coreografia e Scuola di Danza
Vita Consacrata: Quale futuro?
  “La vita consacrata sta vivendo un momento di profondo cambiamento – ha detto Mons. Carballo  nella sua relazione di apertura del Convegno conclusivo dell’Anno della Vita consacrata ormai arrivato alla terza giornata – che la sta portando a scoprire ‘il vino nuovo’ e a porsi una domanda: dove mettere questo vino, in otri vecchi o in otri nuovi?” È la riflessione che stanno portando avanti i consacrati riuniti, anche oggi, in cinque diversi convegni: uno sguardo profetico al futuro, un cammino da proseguire senza paura tra potenzialità e limiti (questo il tema proposto oggi per le contemplative), aperto ai bisogni della missione per vivere e donare la misericordia.  
 “Quest’anno della Vita Consacrata ci invita a tornare al primo amore, - ribadisce al convegno degli Istituti religiosi apostolici il Cardinale De Aviz, Prefetto CIVCSVA - non siamo fatti per le strutture né per le opere, anche se sono importanti ma non sono fondamentali. (…) E se dobbiamo lasciare andare qualcosa, questo non è per diminuire la nostra capacità di essere appassionati ma per aumentarla”. E rivolto alle vergini consacrate: “vivete la consacrazione come testimonianza del vostro Battesimo, tra la gente, ognuna nel suo lavoro, nel dialogo, con la vita. La verginità è esperienza di libertà”.
   Mons. Carballo, alle Nuove Forme di Vita Consacrata parla di ecclesiologia di comunione: “Se tutti i carismi provengono dallo stesso e unico Spirito, allora, parlando in maniera oggettiva, non c’è un carisma che sia migliore di un altro. Tutti sono belli, tutti sono importanti, tutti sono necessari, tutti ugualmente degni. Ciò non impedisce che per ciascuno di noi il carisma al quale siamo stati chiamati sia, soggettivamente parlando, il migliore”.
  Sr Nicla Spezzati, ASC, Sottosegretario CIVCSVA, esorta i religiosi: “Abbiamo paura della complessità del nostro tempo. Per noi invece è il tempo della grazia, dove Dio sta operando. Il nostro è un tempo complesso, è il tempo della problematicità di cammini, di recuperi, d’apertura in cui uomo e donna anche se frammentati sono capaci di progettazione possibile”. E prosegue: “Non è tempo di esploratori solitari, è tempo di cordate e comunione.” Vivere una spiritualità fortemente incarnata nel tempo e nella storia, ha sottolineato anche la dott.ssa Giaccardi nella sua relazione al convegno degli Istituti secolari.  Conoscere, abitare, contemplare: queste le parole-chiave della riflessione. Nella mattinata di oggi i partecipanti si sono divisi in gruppi per vivere, sul territorio, diverse esperienze sui temi dell’ecumenismo, del dialogo interreligioso, dei giovani, della comunicazione, della cultura. Per il futuro: progettare cammini formativi che conducano ad abitare il mondo fraternamente.

Commenti