23 febbraio 2016

23 febbraio 1911 Nascita al Cielo della nostra Madre e partenza della prima missionaria indiana verso l'Argentina!

Fondatrice delle Figlie di San Camillo. Fiduciosa dell'aiuto divino, in appena 19 anni di lavoro, Giuseppina Vannini riuscì a diffondere il provvidenziale Istituto in Italia, in Francia, in Belgio e nel Sudamerica. 
Oggi le Figlie di S. Camillo operano in quattro continenti: Europa, Asia, Africa, America. Sentendo avvicinarsi il momento della sua dipartita, ripeteva alle figlie: “Fatevi coraggio! Anzitutto è Dio che manda avanti le cose e non io. E poi dal paradiso potrò fare voi di più di quello che non faccio stando in questo mondo. Quando io non sarò più, credete pure che si farà meglio di quanto non si faccia adesso”. Ricca di meriti e circondata di grande fama di santità, la Madre entrò nella vita eterna il 23 febbraio 1911.
La causa di canonizzazione fu avviata presso il tribunale del Vicariato di Roma nel 1955. Adempiuto quanto stabilito dalle Leggi Canoniche, il 7 marzo 1992 è stato dichiarato che la Giuseppina Vannini esercitò in grado eroico le virtù teologali, cardinali ed annesse. Il 16 ottobre 1994 Giovanni Paolo II la proclamò "beata".
Il giorno 23 febbraio 2011, le suore Figlie di San Camillo, hanno celebrato solennemente il primo centenario della morte della loro fondatrice.
Martirologio Romano: A Roma, beata Giuseppina (Giuditta Adelaide) Vannini, vergine, fondatrice della Congregazione delle Figlie di San Camillo per l’assistenza ai malati. 
Presso da Santi e Beati.it

In questo giorno tanto significativo per noi le sue figlie, è partita in missione all'Argentina Sr. Divia, prima sorella indiana, per aumentare le cento braccia della misericordia in quella terra che la nostra Madre tanto voleva conoscere e si preparava a visitare ma la sua salute non le ha permesso.
Aeroporto Fiumicino 23 febbraio 2016
Buon viaggio e buona missione carissima Suor Divia!
Muchas Gracias por tu sí generoso!

Nessun commento:

Posta un commento