Presentazione

"Quando le persone si scambiano informazioni, stanno già condividendo se stesse, la loro visione del mondo, le loro speranze, i loro ideali. Comunicare il Vangelo attraverso i nuovi media significa non solo inserire contenuti dichiaratamente religiosi sulle piattaforme dei diversi mezzi, ma anche testimoniare con coerenza, nel proprio profilo digitale e nel modo di comunicare, scelte, preferenze, giudizi che siano profonda mente coerenti con il Vangelo (...) Deve diventare alimento quotidiano e non attrazione di un momento. La verità del Vangelo non è qualcosa che possa essere oggetto di consumo, o di fruizione superficiale, ma è un dono che chiede una libera risposta. Essa, pur proclamata nello spazio virtuale della rete, esige sempre di incarnarsi nel mondo reale e in rapporto ai volti concreti dei fratelli e delle sorelle con cui condividiamo la vita quotidiana.(...) Anche in questo campo siamo chiamati ad annunciare la nostra fede che Cristo è Dio, il Salvatore dell'uomo e della storia."
 Dal messaggio di Benedetto XVI per la 43° giornata Mondiale delle Comunicazione Sociali.

Gesù ci invita ad annunciare e testimoniare che il Regno di Dio è vicino; le parole del Santo Padre ci incoraggiano a diventare anche noi annunziatori nel mondo virtuale.
Allora..... Eccoci! anche noi Figlie di San Camillo vogliamo partecipare a questo invito. Questo è il nostro primo post!
In questa nuova missione "virtuale" ci affidiamo allo Spirito Santo e alla vostra preghiera per poter essere testimoni vere con "CUORE DI MADRE" verso tutti, in modo speciale verso i nostri cari ammalati. 



Commenti